Le storie della Sicilia

.Sicilia, miti e storie da narrare

Cosa sono le truvature siciliane?

Circolano in Sicilia parecchie storie di denari incantati e ritrovati. Storie di “Truvature”, che risalgono al dominio arabo in Sicilia.

Il vocabolo siciliano “attruvatura o truvatura” sta ad indicare l’atto del ritrovamento di un tesoro nascosto da molto tempo e dimenticato da tutti.

Una ricca letteratura scritta, più i numerosi racconti orali che si tramandavano da padre in figlio, documenta come il popolo era attaccato a questa tradizione.

Alcuni sostengono che le tante storie e leggende delle “truvature” sarebbero nate a seguito di ritrovamenti reali di tesori, nascosti dai siciliani che, sballottati fra un’invasione e l’altra, un’imposizione fiscale e quelle dei conquistatori di turno, si sarebbero abituati a nascondere i risparmi sottoterra e nei modi più ingegnosi.

Secondo le credenze popolari, questi tesori nascosti stavano in simbiosi con l’incantesimo e la magia; il più delle volte essi erano rivelati in sogno da un parente defunto, o dalle fate che indicavano il posto preciso con tutti i particolari del rituale magico da seguire.

Caso strano ma tutti questi tesori (ed erano numerosi) si potevano “spignari” (togliere l’incantesimo) solamente dalla o dalle persone indicate nel sonno; inoltre il segreto non doveva essere confidato a nessuno. Generalmente l’operazione doveva essere fatta a mezzanotte, con la luna piena e si dovevano rispettare altri rituali.

L’attruvatura era nascosta nei grossi muri delle case antiche o in qualche sottoscala murato; ma il più delle volte stava sotto terra in luoghi solitari, coperti da una grossa lastra di pietra che, al momento giusto, si spostava con una semplice spinta.

Seduto sopra il tesoro, come custode, si trovava uno schiavo nero, alto e robusto oppure un serpente nero, ma con la parola d’ordine essi scomparivano.

Sotto c’era una grossa “quarara” (pentola di rame) o una giara di terracotta piena di “pataccuna di maregni d’oru”.

Esempi di Truvature Siciliane:

Le Sette Porte di Ferro della chiesa di S.Maria, Randazzo

Il Castello di Castiglione di Sicilia

La Truvatura della Sarpa, Acireale

La Grotta dei Dinari, Contessa Entellina

La Grotta di Calafarina, Marzamemi

Monte Scuderi, Messina

 

Share with your friends

Powered by World

Copyright 2017 Baccoblog - Bacco S.r.l. p. iva: 04431250879 - Via Palermo, 47 95034 Bronte (CT) - info@baccosrl.com - Fax. 095 7724795
Tel. +39 095 7722865 - Privacy Policy | Cookie Policy

Torna alla pagina precedente