Tesori da scoprire

.

Isole Eolie, dove perdersi per ritrovarsi

Un’invasione straordinaria di vacanzieri. Quella appena trascorsa per le “Isole” è stata una vera e propria estate da record. Patrimonio dell’Umanità Unesco, oasi nel cuore del Mediterraneo, le isole Eolie sono state il punto di riferimento di siciliani e stranieri questa estate.

 

Definite le “sette sorelle” composte da sette lembi di terra di origine vulcanica, le isole rappresentano uno straordinario campo di ricerca per geologi provenienti da tutto il mondo.
Nato circa un milione di anni fa, in conseguenza della collisione tra le placche africana ed euroasiatica, questo articolato sistema vulcanico è in parte ancora attivo come evidenziato dai fenomeni di Stromboli e Vulcano.
Sono tutte molto vicine tra loro eppure ciascuna di queste isole regala emozioni diverse.

 

Assolutamente da non perdere la passeggiata a 500 metri sul livello del mare per godere del Monte Aria, il più alto e tra i più antichi crateri di Vulcano, la nuotata tra i giochi di luce della Punta del Perciato, il meraviglioso arco di roccia vulcanica plasmato dal mare e dal vento a Salina, il tuffo tra i colori caraibici della spiaggia bianca di Lipari, l’aperitivo al tramonto tra le meravigliose terrazze di Panarea, la camminata a piedi scalzi tra le stradine selvagge di Stromboli dove la vita scorre lenta e silenziosa e la gita di un giorno tra le piccole e misteriose Alicudi e Filicudi dove il tempo sembra essersi fermato. Le Isole Eolie sono uno spettacolo naturale unico e basta semplicemente perdersi per ritrovarsi.

Share with your friends

Powered by World

Copyright 2017 Baccoblog - Bacco S.r.l. p. iva: 04431250879 - Via Palermo, 47 95034 Bronte (CT) - info@baccosrl.com - Fax. 095 7724795
Tel. +39 095 7722865 - Privacy Policy | Cookie Policy

Torna alla pagina precedente